Ciambellone cocco e Cioccolato (cerchio delle tenebre)

Ciao cuochesse e cuochessini!!!

quanto mi mancate.. è un periodo che  sto facendo mille cose e il tempo è davvero poco!!! soprattutto adesso con una casa da gestire  la sera che era il tempo che di solito dedicavo al blog sono troppo stanca o semplicemente ho voglia di acciambellarmi sul divano a collassare col Kobo in mano… ma se seguite la pagina FB avrete ben notato che non ho affatto mollato anzi 😛

stasera andiamo con un dolce ribattezzato “CERCHIO DELLE TENEBRE” dato che domani è’ Halloween ed è la mia festa preferita.. e no non è una festa americana come tutti sostengono.. è una Festa Pagana.. precisamente Celtica, cioè una ricorrenza che già prima del cristianesimo esisteva e  che segnava l’inizio dell’anno,Samhain, la festa dell’oscurità!

IMG_0611

vabbè… andiamo al dolce… che è veramente alla portata di tutti.. vi potete anche far aiutare dai vostri bambini.. non servono ne planetaria ne nulla… una ciotola, una frusta per girare e qualcuno che tiene la ciotola dove impastate!!!

UTENSILI NECESSARI

  • una ciotola per impastare
  • una ciotola più piccola
  • una frusta
  • una paletta di silicone
  • uno stampo da forno col buco
  • uno stecchino di legno da spiedino

IMG_0607IMG_0608IMG_0610

INGREDIENTI

  • 3 uova bio
  • 375 gr farina 0
  • 225 gr zucchero
  • 125 gr di burro (fuso)
  • 1 cartina di lievito per dolci
  • 1 bicchiere di latte
  • 150 gr farina di cocco
  • 4 cucchiai abbondanti di cacao  amaro in polvere

IMG_0609

COME SI FA

Si mettere il burro a fondere a bagno maria e poi si lascia raffreddare. Si rompono le uova e si lavorano molto bene  con la frusta aggiungendo tutto lo zucchero, poco per volta.    si aggiunge la farina setacciata , il bicchiere di latte ed il burro.. e  la farina di cocco. Si mescola molto bene e alla fine  si aggiunge la cartina, continuando a mescolare!

a questo punto il Bobo ha detto “mi chiamavano Kenwood” ma ha continuato ad aiutarmi 😛  ihihhihi

si prende un terzo di impasto e si mette nella ciotola piccola che abbiamo preparato e in questa parte si mette il cacao amaro in polvere!

si  mette adesso nello stampo l’impasto bianco e nero a strati e prima di infornare si lavora un pò con uno stecchino lungo, che useremo anche per la prova se è cotto dentro.

forno statico a 180°/200° per 30 minuti…… ed eccolo!!!

IMG_0612

Happy Halloween a tutti e gustatevi il vostro cerchio delle tenebre!!!

un super smuakkeve  :* e accendete un lumino!!! la vostra Streghetta pazza PAPINA

CROSTATA DI FRUTTA totalmente veg

Ciao a Tutti…cuochesse e cuochessini!!!

questa ricetta è per tutti coloro che sono convinti, una tra tutti mia mamma, che un dolce senza uova  non sia una vero dolce e che non si possa fare una crema pasticcera SENZA UOVA…

beh.. per fare QUESTA crostata di frutta non ho usato uova, ne burro.. ma solo latte (vegetale)…

IMG_0376

PER REALIZZARLA  OCCORRE

  • fare la pasta frolla e cuocerla
  • fare la crema senza uova e metterla a freddare
  • pulire le fragole del nostro orto (queste che vedete sotto)  o prenderle bio…

PASTA FROLLA  per una tortiera apribile da 26 cm di diametro

  • 250 gr farina 00 (io uso la Molino gatti per dolci)
  • 75 gr di zucchero di canna integrale
  • 1 cucchiaio di amido di mais
  • 60 gr di olio di semi
  • 2 cucchiai di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di cannella (ma anche no che poi si sente tanto e copre il sapore!) 😛
  • 1 bicchiere di latte vegetale

si impastano tutto gli ingredienti secchi e poi si aggiunge il latte per amalgamare  il tutto… si lavora un pò sulla spianatoia di legno e poi si fa riposare in frigo  (25- 30 minuti) fintanto che il forno si scaldi a 175 °C… e si cuoce per circa 15 minuti a forno statico.. poi si fa freddare su una gratella rialzata

IMG_0373

PER LA CREMA PASTICCERA VEGAN

  • 25 gr di amido di mais (maizena)
  • 250 ml di latte
  • 10 gr di zucchero di canna integrale
  • 1 cucchiaio di sciroppo di riso
  • (cannella & curcuma per colorare ma a piacere)

io ho messo prima lo zucchero e l’amido di mais e  lo sciroppo di riso.. piano piano senza fare grumi ho aggiunto il latte TUTTO A FREDDO mescolando con la frusta! poi ho messo tutto nel fornellino e GIRANDO SEMPRE  ho aspettato che si addensasse.. all’inizio  vi sembrerà di aver formato un impasto LIQUIDISSIMO.. poi una volta sul fornello, così come accade per la mayonese.. ALL’IMPROVVISO SI ADDENSERà!

  20140607_181537

copritelo con una pellicola e fateci i buchetti con i rebbi di una forchetta perchè altrimenti farà la crosticina sopra come è successo a m e vi farà i grumi!!! quando è ben fredda adagiatela della base della crostata

IMG_0374

a questo punto lavano e puliscono le fragole e si fanno scolare bene poi si guarnisce la torta come da foto in alto!!!

 IMG_0375

buona torta a tutti!!! ^____^

spero che questa ricetta vi piaccia.. ovviamente LE FRAGOLE POSSONO ESSERE SOSTITUITE CON QUALUNQUE FRUTTA VOI ABBIATE!!!

un bacione smuakkeve :*… la vostra Papina

Gnocchi “di non patate” e Radicchio Rosso di Chioggia

Ciao a tutti!! oggi andiamo con una ricetta semplicissima  (e FIGA!) che o ho trovato qui, nel blog carinissimo di Erica e che ho provato subito a rifare!! più che altro si tratta di una “non ricetta” o comunque di un trucchetto…

io ho specificato il Radicchio Rosso di Chioggia, che è quello a palla, perché quello di Treviso, più lungo è di solito “amaro che non si strozza 😛 ” e a me non piace e io nel mio orto metto solo e rigorosamente quello a palla!!! ve lo mostro com’era dopo una settimana che l’ho messo nelle file!

20130912_113310

 quindi servono i seguenti ingredienti:

PER GLI GNOCCHI

  • farina
  • acqua naturale

PER IL CONDIMENTO

  • 1 scalogno o una cipolla (quello che avete, possibilmente bio)
  • una palla di radicchio rosso (bio) per ciascun commensale o se sono grandi una ogni 2 (una palla per 2 persone!)
  • Olio EVO bio
  • Noce moscata e chiodi di Garofano se piacciono (a piacere)

facciamo quindi  gli Gnocchi SENZA PATATE..

il trucco  è mettere la stessa quantità della farina allo stesso numero il ML di acqua..

ok mi spiego

la prima volta eravamo io e Mirco  a mangiare e per fare gli gnocchi ho messo:

  • 200 gr di Farina 00 setacciata
  • 200 ml di Acqua

nel piatto VERDE che vedete sotto.. dato che era per me, quindi 1 persona,  e non volevo scoppiare quindi porzione minima… ho messo

  • 50 gr di Farina 00 setacciata
  • 50 ml di Acqua

si mette a scaldare l’acqua in un tazzino e quando bolle si versa dentro alla farina, e con un cucchiaio e poi con le mani cominciamo ad impastare gli gnocchi!  se non si ha il cosino di legno per rigarli si premono un pò nei rebbi di una forchetta.. e sono perfetti!!!

20131124_124958

una volta che li abbiamo fatti…mettere una pentola con l’acqua  bollire gli gnocchi…tritiamo lo scalogno (o la cipolla) e la mettiamo a a scaldarsi con l’olio, 3 o 5 chiodi di garofano e una bella grattugiata di noce moscata (io amo entrambi!) in una padella e quando lo scalogno è dorato,  mettere dentro il radicchio rosso mondato e fatto a striscioline e  aspettare che si  cuocia un pò..  nel frattempo aggiungiamo uno o due cucchiai di acqua  dalla pentola per cuocere gli gnocchi…

quando l’acqua bolle, mettere giù gli gnocchi (di non Patate) e quando vengono a galla… sono pronti.. si versano  allora dentro la padella col radicchio e facciamo dare una bella saltata poi si impiattano!!!

 se aveste dubbi… sono morbidi e come quelli di patata, non si spaccano in cottura e  secondo me ci potete tranquillamente fregare tutti i vostri amici perchè nessuno si accorgerò che sono”finti”!!!

BUON APPETITO!!!! 😛

20131210_140346

VOI AVETE PROVATO MAI A FARE GLI GNOCCHI COSì SONO CON ACQUA BOLLENTE E FARINA!??!?!

E POI… avete provato la ricetta del Panforte!? io l’ho fatto ieri ed è venuto niente male 🙂

IMG_20131212_125555

Un bacio grande dalla vostra Papina!! :* smuakkeveee

PANFORTE per Natale

PROVE TECNICHE DI NATALE!

Oggi andiamo con una ricetta che lo scorso anno mi ha dato immense soddisfazioni e che vi voglio proporre anche a voi.. o per mangiare con i vostri cari in questo venturi giorni di festa.. o come idee per golosi regali home made che saranno sicuramente apprezzatissimi da tutti!!!  La ricetta originale viene dallo stupenderrimo blog Cappuccino&Cornetto [questo è il link della ricetta originale!], uno dei primissimi blog di cucina che ho iniziato a seguire nel web, quando ho dovuto constatare che libri e riviste specifiche sono arrivate a costare una cifra spropositata per le mie umili tasche!!!

ok.. andiamo con la ricetta del panforte!!!

io vi consiglio di provarlo a fare prima.. anche solo una prova con metà o 1/4 di dose.. per lo più per prendere pratica con il procedimento, con l’ostia.. e con la quantità  giusta di spezie.. perchè secondo me è appunto sulla giusta quantità di queste ultime che si gioca la riuscita del vostro Panforte

IMG_3229

Ingredienti ( per una tortiera da 26 cm-quella che si apre- o 2 vaschette di alluminio rotonde da 18-22 cm  dipende da cosa trovate.. anche se viene più basso non importa!!!)

  • 150 gr di zucchero a velo
  • 150 gr di miele* BIO milllefiori
  • 150 gr di farina OO
  • 1 cucchiaino di spezie* ( 5 gr pesati possono bastare!)
  • 250 gr mandorle (sgusciate e pelate.. o se preferite un gusto più rustico con la buccia)
  • 150 gr di cedro candito a pezzettini piccolissimi
  • 150 gr di scorza di arancio candito a pezzettini piccolissimi
  • 1 pizzico di pepe ( facoltativo.. già ci mettete le spezie!)
  • mezza tazzina di acqua (tazzina da caffè per fare la misura)
  • 1 ostia
  • zucchero a velo a per la copertura
Note tecniche
L’ostia io l’ho comprata in una  pasticceria artigianale, ed è un foglio grande come un album da disegno formato A3, e costa meno di 2€… e li ho chiesto anche per le *spezie: mi hanno inviato a comprarle in una botteghina tipo quelle di una volta di paese… e sono “fortissime”.. la dose originale prevedrebbe 30 gr  (5 gr di coriandolo, 5 gr di chiodi di garofano,15  gr di macis, 5 gr di noce moscata. Tutto finemente macinato, ve ne occorreranno circa 30 gr)… la prima volta ne ho messi 15 grammi ed  aveva una profumazione davvero eccessiva… si sentiva il profumo quasi dalla cima della via… per il mix che ho io 5 gr sono più che sufficienti.. ma magari questo è un mix professionale ed è più aromatico di quelle nelle boccine di vetro! se proprio volete andare sul saporoso andate per 7 gr ma non di più!
il MIELE io lo metto Biologico.. lo prendiamo da una signora che ha le cassette verso il Monte Amiata e lo smiela a casa sua, molto artigianalmente, senza aggiungere melassa o altri “trojai” chimici..  è molto granuloso ma  ha un sapore che anche io che non amo particolarmente il miele riesco ad apprezzare di gusto!

COME SI PREPARA

In una placca da forno o in un pentolino antiaderente si mettono a tostare le mandorle per 5 minuti.. sul forno 6-7 minuti a 140-150 °C senza farle bruciare! poi si fanno raffreddare.

Si prende la teglia o gli stampi in alluminio che utilizzeremo per i panforti e dall’Ostia tagliamo prima una striscia lunga alta 5-6 cm per tutta la lunghezza maggiore del foglio, poi si taglia in disco o i dischi delle basi e ci rivestono gli stampi…  si può preparare un bicchiere con dell’acqua per bagnare l’ostia tipo colla e far aderire i bordi… è importante essere precisi e andare più dritti possibili…

In una ciotola grande si mescolano  la farina, le  spezie, mandorle raffreddate e canditi.

A questo punto si fa sciogliere in una pentola antiaderente di misura media,  a fuoco moderato,  il nostro miele bio con lo zucchero.
Appena si vedranno le prime bollicine sul miscuglio di miele e zucchero, si toglie dal fuoco il pentolino e a e si aggiunge la mezza tazzina (da caffè) di acqua.. si riporta sul fuoco.. si mescola per bene e poi  si spegne.
Ora si versa  nel composto ancora caldo  il misto di farina, mandorle e spezie  e si gira molto bene cercando di amalgamare in modo uniforme tutti gli ingredienti!

Ora prenderemo i nostri stampi che abbiamo precedentemente rivestito con l’ostia e ci versiamo dentro il composto cercando di  livellarlo per bene con un cucchiaio, premendolo e facendo in modo di chiudere tutti i lati senza lasciare buchi.

Adesso va in forno a cuocere per i primi 5 minuti a 220° C… poi abbassiamo la la temperatura a 160° e si cuoce per altri 15 minuti.

A cottura ultimata spengiamo il forno e lo tiriamo fuori e lasciamo raffreddare… prima che si freddi completamente lo tiriamo fuori dallo stampo. o parendo lo stampo se abbiamo usato quello col gancio, o capovolgendolo aiutandoci con un piatto  spolverato di zucchero a velo  o con una griglia… se l’ostia della base è rovinata o assorbita dal dolce durante la cottura potremmo metterne un disco nuovo…

tagliamo infine i bordi laterali dell’ostia, e a piacere spolveriamo di zucchero a velo la superficie!

se abbiamo fatto tutto nel modo corretto otterremo un risultato sorprendente!!!

IMG_3227 IMG_3228

dopo aver tagliato l’ostia lateralmente con le forbici!

IMG_3233

prepararlo in un bel piatto Nataloso una volta freddo…

IMG_3231

la fetta in cui si vede come tutti gli ingredienti sono ben amalgamati!!!

IMG_3232

eccolo nella sua bellezza!!

IMG_3230

buone prove tecniche di Natale a tutti!!!

è una ricetta molto facile!!! se avete qualunque tipo di dubbio non esitate a chiedere e la Papina vi risponderà!!!

:* smuakkeve!!!

PESCHE

questa è pasticceria sperimentale papinosa!!

Perché ognuno di noi è pasticcere dentro. Sapevatelo!    *__* ringrazio Sonia per questa ricetta, che è una signora bravissima che dipinge con me la ceramica, una di quelle convinte che si può cucinare anche senza Bimby,  perchè lei ce l’ha ^__* !

questa ricetta è di una semplicità incredibile, voglio dire qui avete le prove fotografiche che ci sono riuscita io!!!  la difficoltà sta nel fatto che serve un pò di tempo per realizzarle e tanta pazienza!

questa non è una ricetta vegana.. almeno io l’ho fatta con le uova e il burro.. ma sicuramente uno potrebbe adattarla come meglio crede!

oltre alla cottura in forno per diciamo le “guanciotte” delle pesche, servirà anche una pentola per la crema pasticcera..

IMG_1196

INGREDIENTI PER L’ IMPASTO DELLE PESCHE

  • 3 UOVA bio
  • 500 gr di Farina 00
  • 150 gr di Burro
  • 150 gr di Zucchero
  • 1 cartina (=bustina di lievito)
  • 1 limone grattugiato
  • 1 bustina di vanillina (facoltativa)

COME SI FANNO

In una ciotola si impastano le uova e lo zucchero, magari aiutandoci con uno sbattitore ( no la planetaria per adesso continuiamo a sognarla :P), poi aggiungiamo la farina a pioggia e il burro fuso a bagnomaria e fatto raffreddare, la scorza di limone grattugiato e in ultimo la cartina… impastiamo un pò anche con le mani, anche se non sarà un impasto durissimo!

In una leccarda (teglia da forno) o imburrata e poi spolverata di farina, o coperta con la carta da forno,  si dispongono in modo da non farle toccare, tutte palline grandi quanto “una nocina” (con questo impasto ne verranno circa 35).

si fanno cuocere in forno statico a 170 °C per 15 minuti.

IMG_1199

COME SI OTTENGONO LE PESCHE

si  fa la crema pasticcera come ho descritto qui, impasto grande da 3 uova e si lascia raffreddare!

adesso servono:

  • 1 tazza con metà acqua e metà Alchermes
  • 1 tazza piena di zucchero normale bianco

si svuota un pò la parte della pesche che poggiava nella teglia (e potremmo usarle come base per qualche cheescake!).. si zuppano le pesche prima nella tazza con l’acqua e l’archermes e poi le metto a scolare su una griglietta ..

A due a due dopo averle zuppate nel misto acqua e alchermes e scolate, mi raccomando vanno appena bagnate, zuppate proprio poco poco,  le passo nello zucchero, poi con un cucchiaino le ripieno con la crema pasticcera che si è freddata!

Dopo averle accoppiate, le metto  in un pirottino di carta e  ad averle si potrebbero mettere delle foglioline decorative, anche di zucchero!!!

   IMG_1197IMG_1200

disponiamole poi in un vassoio da portata!

IMG_1198

se le fate per offrirle agli ospiti meglio prepararle in giorno prima! che prendono più sapore!!!

e TENERLE IN FRIGO!!!

voi le avete provate a fare?!?!?!  fatemi sapere!! e per qualunque cosa non esitate a chiedere!!!

..la vostra Papina… :* smuakkeve

CREMA PASTICCERA facile

Questa ricetta  è collaudatissima!!

ce l’ho da incalcolabili anni, grazie ad Elisa, che è stata la mia migliore amica di infanzia, e  vi farà fare un super figurone, perché vi verrà  bella liscia e soda.. e vi sentirete un pò pasticceri pure voi!! è facilissima da fare!!!

IMG_6390 - Copia

io vi metto 3 dosi, ma è la stessa ricetta divisa, nel senso che vengono tutte facendo la proporzione degli ingredienti e si possono usare a secondo delle grandezze delle cose da ripienare:  la dose da 3 uova va per ripienare dolci grandi, le altre per quelli piccoli e quella da 1 uovo per poche tartine di frutta!

  • 3 uova intere (possibilmente bio)
  • 75 gr di Farina
  • 150 gr di Zucchero
  • 500 ml di latte (mezzo litro)

Procedimento

Si mette il latte a bollire in una pentola antiaderente. In una ciotola si mescolano con una frusta sbattendo molto bene le uova con lo zucchero e poi aggiungiamo la farina setacciata e 2 cucchiai di latte tiepido (ma non caldo!) prendendolo da quello messo a bollire!

Far bollire il latte fino che non farà la schiuma,abbassare la fiamma e  togliere il cielo (quella patina che si formerà sopra) con un cucchiaio facendo attenzione a non bruciarsi!

adesso coliamo a filo nel latte il nostro impasto, continuando a girare con la frusta (che sia di silicone, altrimenti si graffia la pentola o.O), si riporta a bollore e manco 2 minuti che avremo una crema bellissima, liscia e setosa, da veri pasticceri!!!

a piacere, si può aggiungere, per insaporire la crema, la buccia grattugiata di mezzo limone, o di mezzo arancio, o si possono mettere nel latte a bollire, una bacca di vaniglia, mezza stecca di cannella, o 5-7 chicchi di favetta di caffè!

adesso andiamo con le dosi ridotte: il procedimento rimane invariato!

dose per un dolcino piccolo (18 cm di diametro) o 15 –20 bignè:

  • 2 uova intere (bio)
  • 50 gr di Farina
  • 100 gr di Zucchero
  • 334 ml di latte

dose per 6-8 tartine o crostatine di frutta, o per una merenda o per assaggiare se vi piace e se vi viene bene

  • 1 uovo intero (bio)
  • 25 gr di Farina
  • 50 gr di Zucchero
  • 167  ml di latte

fatemi sapere se la provate e se vi viene bene !!! buona crema a tutti!!!  baciotto :* smuakkeve!

la vostra Papina

BISCOTTANDO ALL’ANICE _fotoricetta vegan

questa è una mia ricetta a cui sono molto affezionata… guardate solo quanto sono belli ❤  *piovono cuori*

IMG_0615

potete vedere il primo post in cui ne parlai QUI nell’altro mio blog..

è una ricetta assolutamente VEGANA in quanto non ci sono latte uova o altri ingredienti di origine animale..

e gli ingredienti in se sono molto semplici, quasi poveri, e io sono affezionatissima a questa preparazione…

C’è infatti tutta una storiona lunghissima dietro alla ricetta stessa per la preparazione di queste delizie, perchè li faceva mia nonna quando ero piccola, ma poi quando sono andata a cercare la ricetta in internet venivano sono ricette zuccherate!!!!
se vi volete documentare sulla storia che questi biscotti hanno alle spalle, dato che sono stati nominati anche I.G.P. cercate su google “biscotto di Roccalbegna”. Io come sapete non sto a Grosseto, anzi sto al Lago Trasimeno, però nei forni della mia zona questo biscotto va parecchio!!!   e costa uno sproposito.. 2 biscottoni vanno circa 2,80€..  mmm
NON VI DARò UNA RICETTA PRECISA, SEMPLICEMENTE PERCHè NON C’è!

ma vi do una lista di ingredienti semplici per farla!

  • farina (come ce l’avete!) io avevo la 0 quando li feci altrimenti avrei usato la 00
  • Olio extravergine d’Oliva Bio
  • semi Anice possibilmente bio.. ma ci si accontenta!
  • un panetto di lievito di birra.. ma se avete il lievito madre manco ve lo dico.. beati voi 🙂 !
  • un pizzico di sale fino (meglio se integrale)
  • un pizzico di zucchero (meglio se grezzo di canna)

l’impasto è simile alla pizza e tutti sono in grado di farlo!!! BUONA CUCINA!!!
vai con la preparazione!!!
si ammollano i semi dell’Anice con acqua calda e  vino bianco (potete mettere anche sono il vino.. o solo l’acqua a piacere)
IMG_0596
si prende la farina, e si fa una bella fontana con buco al centro, in una spianatoia di legno
IMG_0592

si fa sciolgliere un cubetto di lievito di birra in acqua tiepida e si impasta la farina, UN PIZZICO DI SALE, UN PIZZICO DI ZUCCHERO e i semi dell’anice scolati dal liquido di ammollo…

IMG_0593
si mette un bel pò di OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA, possibilmente bio!
IMG_0594

e si continua a lavorare l’impasto molto bene dandoci dentro come si farebbe per la pizza!
si mette a bollire una bella pentola capiente CON ACQUA SALATA (poco sale che fa male!!!)  e si predispone un canovaccio per asciugare i biscotti una volta bolliti!
IMG_0603

SI SI VANNO PROPRIO BOLLITI, UNO AD UNO!!! predisponete anche due schiumarole per riprenderli da dentro l’acqua!
si  finisce di lavorare bene la pasta fino ad ottenere un composto morbido ed elastico e soprattutto fino a quando “gli anici schizzano fuori!
di fanno dei pezzetti e si lavorano con entrambe le mani fino ad ottenere un “bico” lungo e  si dispone nella tipica forma a FIOCCO!
IMG_0598

formiamo i fiocchi

IMG_0599
NON FATE ASSOLUTAMENTE RIPOSARE E LIEVITARE I BISCOTTI..

è importantissimo altrimenti vi si romperanno tutti!! fidatevi!!!
IMG_0600
SI PRENDONO  uno per uno e bollirli fino a quando non si vedono delle belle crepe!!!

IMG_0607IMG_0611

quando li togliete li scolate bene e poi li disponete su una teglia  con carta da forno!!!

IMG_0612
cuocere per una mezz’oretta a 180 °C .. io ho il forno ventilato!!!

IMG_0605

dopo cotti ho spento il forno e li ho rimessi dentro per “BISCOTTARLi” meglio!! ecco il risultato!!!

IMG_0608 IMG_0609

come vi sembrano??

IMG_0613 - Copia (2)

li avete mai mangiati???
:* smuakkeve!!!  dalla vostra Papina!!

PS con questa ricetta  ho deciso di parteciare  al 1° CONTEST  CUCINA VEGANA ideato da JESSICA..

contest vegan

per votarmi dovrete andare alla foto su FB della mia ricetta QUI

Besciamella

Questa ricetta l’ho presa da un vecchio TU (la rivista)  troppi anni fa… facevo ancora le superiori!!!

ne vengono circa 600 grammi e è una dose che a me basta per una teglia di pasta al forno o per gratinare delle verdure.. se vedere che è poca potete raddoppiare le dosi o fare le dovute proporzioni per diminuirla se ve ne servono un paio di cucchiai o poco più!

  • 50 gr di Burro
  • 50 gr di Farina
  • 500 ml (mezzo litro) di latte – io uso il Grifo intero
  • sale
  • noce moscata (intera da grattugiare!)

si fa fondere a fiamma bassissima il burro in un tegame antiaderente con un cucchiaio  o due, di latte. Quando il burro è sciolto, mescolarci la farina con un cucchiaio di legno e far cuocere mescolando di continuo per  circa 5 minuti. Scaldare il latte in un pentolino senza farlo bollire.  Aggiungere il latte caldo, a poco a poco, mescolando. Cuocere circa 10 minuti.  è pronta quando comincia ad addensarsi.

Togliere dal fuoco e aggiungere il sale e la noce moscata grattugiata.

besciamella

buona “gratinatura” a tutti!!!  😛

la vostra Papina

Dolce Morbido Pere e Cioccolato

Ciao nuovi lettori! benvenuti!

ho pensato che vi potesse piacere l’idea di una ricetta di un dolcino ottimo, sempre, ma goloso anche a colazione!

oggi infatti andiamo con il ciambellone pere e cioccolato!!!

io uso le gocce e le scaglie di cioccolato della Lidl che secondo me sono ottime.. addirittura migliori delle tanto famose perugina!!!

ecco come verrà:

dolce pere cioccolato 1.jpg

ecco cosa ci servirà per realizzare questo buonissimo dolce!!!

INGREDIENTI

  • 3 uova (possibilmente bio)
  • 120 gr. di zucchero
  • 250 gr di farina
  • 80 gr di Burro
  • 2 pere grandi e mature (possibilmente bio)
  • 1 bustina di lievito
  • 1/2 (mezzo) bicchiere di latte
  • SCAGLIE E GOCCE DI CIOCCOLATO (io ho quelle del LIDL e sono OTTIME ^___^)
  • cacao amaro a piacere se lo preferite in pasta nera (2 cucchiai)

COME SI FA
la PRIMA cosa che faccio quando preparo un dolce è imburrare la teglia, con una noce di burro e poi con un pizzico di farina “imbianco” tutta la teglia… la farina in eccesso la metto a pesare per fare la dose dell’impasto!
si prendono 2 pentolini, uno deve entrare dentro all’altro, su quello sotto ci si mette l’acqua.. non so come siete abituati voi.. qui si dice “a bagno maria” e si mette il burro a far sciogliere a fuoco basso
Si prendono 2 scodelle abbastanza grandi e si dividono i tuorli dagli albumi… si montano gli albumi a Neve e si mettono a riposare in frigo per non farli smontare… si lavorano con le stesse “pale” montate nel frullatore, i tuorli con lo zucchero… si aggiunge un pò di farina… e vedrete che farà i grumi e si assoderà parecchio… quando il burro si è un pò ammorbidito e mezzo sciolto, si toglie dal fuoco e si aggiunge il latte per farlo stiepidire, si aggiunge la farina, il burro e il latte e si mescola sempre con le pale… adesso si mette un attimo da parte l’impasto e mettiamo via il frullatore!
Si sbucciano le pere ( ci sta bene anche una mela e una pera!) facciamo una mezza pera a fettine sottili da mettere sopra come decorazione e le altre parti a pezzettini abbastanza minuti… mettiamo i pezzettini di pera dentro al nostro impasto…. e amalgamiamo bene con un cucchiaio di legno.. aggiungiamo circa due cucchiai di gocce di cioccolato e un cucchiaio di scaglie e amalgamiamo… adesso aggiungiamo gli albumi a neve e li amalgamiamo girando con il cucchiaio l’impasto dal basso verso l’alto cercando di non farli smontare.. aggiungiamo la cartina e dispongo l’ impasto dentro la teglia che avevamo preparato, sopra ci si mettono el fettine della pera a giro e un altro mezzo cucchiaio di gocce e di scaglie.. si mette a cuocere e dovrebbe essere come lo vedete nella foto…
forno ventilato a 175°C per circa mezz’ora… sarebbe meglio mettere un pezzo di carta da forno per non fare dorare troppo il sopra del dolce!

dolce pere cioccolato cottura.jpg

ecco some è uscito:

dolce pere cioccolato.jpg

insomma non è affatto male no!??!?!

dolce pere cioccolato 2.jpg

buon impasto a tutti..

per qualunque dubbio, perplessità, considerazione o critica non esitate a lasciare un commentino sotto!!
un bacio grande :* smuakkeve
la Vostra Papina!