Peperoni  ripieni gratinati completamente Vegan 

Ciao Cuochini e cuochesse…

Ecco una  ricettina fresca di serata… di cui sono rimasta immensamente soddisfatta .. Mirco a fine cena mi ha pure chiesto dove ero stata a comprare la carne :/ che potrebbe essere anche un complimento che ne so.. 🙂  no???

INGREDIENTI

  • 6 peperoni Bio maturi
  • 1 cipolla Bio o uno scalogno
  • 5-6 pomodori Bio maturi mediamente  grandi
  • 1  scatola di ceci già  lessati (circa 170gr)
  • Due bicchieri di pangrattato  (circa.. io ho fatto ad occhio)
  • Sale (e pepe  facoltativo.. io non l ho messo)
  • Origano, erba cipollina, noce moscata
  • Olio Bio extravergine  (un po’ 😛 )

COME SI FANNO

Accendere il forno statico a 220 °C e lasciare riscaldare  bene.

Mettere a bollire un pentolino con acqua e portare a bollore. Quando bolle mettete i pomodori e alla ripresa del bollore spegnere immediatamente. Versare i pomodori in colino e freddarli con acqua corrente. Mettere nel frullatore la cipolla e i ceci ben lavati dall’acqua  di confezionamento. Frullare bene. . Se troppo sodo aggiungere un cucchiaio di olio.  Mettere da parte in una ciotola capiente. Pelare i pomodori fredda ti è provarlo dei semi e degli eventuali fiacco verdi interni.  Mettere i pomodoro nel frullatore  e frullati bene. Aggiungere il pomodoro ai ceci e mescolare.. mettere le spezie ed aggiustare di sale.. mettere un po di olio e assodato con il pangrattato.

Lavare bene i peperoni  e tagliarli nel senso della lunghezza  a metà : privarli dei semi e dei filamanti bianchi.  Fare dei buchi con una forchetta.

Mettere un foglio di carta da forno in una leccarda e appoggiare i peperoni passando sopra un filo d’olio ;  riempire i peperoni  a barchetta con il composto preparato.. passare un altro filo d’olio  e spolverare  con un altro pizzico di pangrattato e infornare nel ripiano in basso del forno lasciando la temperatura  ma girando se l avete alla modalità  ventilata.

Cuocere  per circa 20-25 minuti.. buono gnam gnam 🙂
Papina

Annunci

tzatziki

ciao cuochini e cuochessine!

sono tornata dopo una vita…

ricetta super estiva.. super velkoce… provatela con crakers intergali di pasta madre o anche nei veg burger!!! 😛 mmmmmmmmmm

tzaziki

INGREDIENTI

  • 1 cetriolo bio
  • 1 vasetto di yogurt GRECO bianco (circa 17o gr)
  • 1 spicchio di aglio rosso bio
  • sale
  • (pepe facoltativo)

 

COME SI FA

frullare il cetriolo con la buccia in un frullatore,  insieme allo spicchietto d’aglio….scolare un po’ l’eventuale acquetta che ne esce.   mescolare in una ciotolina il cetriolo frullato, lo yogurt  e aggiustare con il sale senza esagerare. mettere una mezz’oretta in frigo e servire ben freddo girando bene prima di servire!

buono gnam gnam!! 😛

Papina

Farro in festa con asparagi, porro e pomodori secchi

Ciao cuochesse e cuochessini!!!

questo piatto è La Primavera in festa!!! Farro asparagi porro  pomodori secchi

useremo i porri.. i vecchi nonni dell’orto… che hanno resistito alle fredde notti invernali. alle gelate e hanno visto stellate straordinarie e cristalli di brina….

porri

e gli asparagi.. i giovai figli dell’orto.. appena spuntati, freschi e teneri…  signori assoluti della primavera!!!

asparagi bio

per me vale come piatto unico, e le dosi si riferiscono a 2 porzioni:

cosa serve

  • 200 g di farro bio da lessare
  • 1 porro bio
  • 4 pomodorini secchi
  • 1 cucchiaino di capperi dissalati
  • 1/2 mazzo di asparagi (dell’orto)- tipo un pugnetto ^__*
  • grana padano da grattare

come si procede

  • Pulire gli asparagi e dividerli spezzettandoli con le mani dalla punta al fusto.. quando si romperanno male e diverranno un pò legnosi, metterli da parte.
  • lessare per 25 minuti il farro in acqua bollente, con la parte dura del fusto degli asparagi.
  • Saltare in 2 cucchiai d’olio EVO il porro a rondelle coi capperi dissalati, unire gli asparagi e 2 mestolini di acqua del farro. unire i pomodorini secchi fatti piccoli a coltello, insieme al porro e agli asparagi.
  • scolare il farro cotto insieme ai gambi e mescolare tutto con gli altri asparagi. saltare bene in padella per amalgamare il tutto e servire con una grattata di Grana Padano.

buon appetito!!!! 😛

la vostra Papina!

:* smuakkeveeeeeeeeeeee

Besciamella VEG senza burro e senza Roux

Ciao A tutti cuochini e cuochessine!!!

incredibile ma vero!! sto ancora in mezzo a voi!!! se avete avuto piacere di mettere il like avrete visto che la pagina fb è stata viva in tutto questo tempo!!!

oggi vi do una ricetta che non è manco mia è di Elisabetta de Il goloso Mangiar sano per fare la besciamella senza burro e senza roux..quindi che non vi farà uscire matti perchè fa i grumi… 😛

Besciamella VEGAN

DOSE NORMALE

  • 100 g  di farina 0 setacciata
  • 500 ml di latte di soia
  • 2 cucchiai di olio di semi
  • sale un pizzichino
  • noce moscata grattugiata a piacere

DOSE PICCOLA

  • 50 g di farina 0 setacciata
  • 250 ml di latte di soia
  • 1 cucchiaio di olio di semi  ( o 2 piccoli)
  • un pizzichino di sale
  • noce moscata a piacere

Si prende un pentolino e si mescolano tutti gli ingredienti, molto bene, con una frusta.

si mette sul fuoco fino a diventare cremosa.

l’olio si può mettere anche a metà prima della cottura  e metà quando si è rappresa.

buona gratinatura a tutti!!! :*  smuakkeve!

la vostra.. ritornata.. Papina

CROSTATA DI FRUTTA totalmente veg

Ciao a Tutti…cuochesse e cuochessini!!!

questa ricetta è per tutti coloro che sono convinti, una tra tutti mia mamma, che un dolce senza uova  non sia una vero dolce e che non si possa fare una crema pasticcera SENZA UOVA…

beh.. per fare QUESTA crostata di frutta non ho usato uova, ne burro.. ma solo latte (vegetale)…

IMG_0376

PER REALIZZARLA  OCCORRE

  • fare la pasta frolla e cuocerla
  • fare la crema senza uova e metterla a freddare
  • pulire le fragole del nostro orto (queste che vedete sotto)  o prenderle bio…

PASTA FROLLA  per una tortiera apribile da 26 cm di diametro

  • 250 gr farina 00 (io uso la Molino gatti per dolci)
  • 75 gr di zucchero di canna integrale
  • 1 cucchiaio di amido di mais
  • 60 gr di olio di semi
  • 2 cucchiai di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di cannella (ma anche no che poi si sente tanto e copre il sapore!) 😛
  • 1 bicchiere di latte vegetale

si impastano tutto gli ingredienti secchi e poi si aggiunge il latte per amalgamare  il tutto… si lavora un pò sulla spianatoia di legno e poi si fa riposare in frigo  (25- 30 minuti) fintanto che il forno si scaldi a 175 °C… e si cuoce per circa 15 minuti a forno statico.. poi si fa freddare su una gratella rialzata

IMG_0373

PER LA CREMA PASTICCERA VEGAN

  • 25 gr di amido di mais (maizena)
  • 250 ml di latte
  • 10 gr di zucchero di canna integrale
  • 1 cucchiaio di sciroppo di riso
  • (cannella & curcuma per colorare ma a piacere)

io ho messo prima lo zucchero e l’amido di mais e  lo sciroppo di riso.. piano piano senza fare grumi ho aggiunto il latte TUTTO A FREDDO mescolando con la frusta! poi ho messo tutto nel fornellino e GIRANDO SEMPRE  ho aspettato che si addensasse.. all’inizio  vi sembrerà di aver formato un impasto LIQUIDISSIMO.. poi una volta sul fornello, così come accade per la mayonese.. ALL’IMPROVVISO SI ADDENSERà!

  20140607_181537

copritelo con una pellicola e fateci i buchetti con i rebbi di una forchetta perchè altrimenti farà la crosticina sopra come è successo a m e vi farà i grumi!!! quando è ben fredda adagiatela della base della crostata

IMG_0374

a questo punto lavano e puliscono le fragole e si fanno scolare bene poi si guarnisce la torta come da foto in alto!!!

 IMG_0375

buona torta a tutti!!! ^____^

spero che questa ricetta vi piaccia.. ovviamente LE FRAGOLE POSSONO ESSERE SOSTITUITE CON QUALUNQUE FRUTTA VOI ABBIATE!!!

un bacione smuakkeve :*… la vostra Papina

involtini VEG di verza.. con “macinato” di verza

Ciao cuochine e cuochessini!!!

non sono sparita… anzi…  ho avuto un periodo creativo…  anche se ho pubblicato poco!!

oggi faremo questi semplicissimi involtini!

IMG_0085

siamo stati con il Bobo in uno punto vendita vicino casa mia di quelli a KM 0 si chiama Orto di Casa Vaiano … io non c’ero mai stata prima, perchè abbiamo un orto da noi e quindi sono poche le verdure che compriamo.. ma quest’anno che ha piovuto sempre, non ci abbiamo mangiato gran che e siamo stati costretti a comprare… la cosa che mi ha colpito è che ti colgono le verdure li per li… e quando letti in macchina la busta il profumo dei gioielli che ha dentro ti riempiono la macchina.. l’ odore della beatitudine… inoltre l’altra cosa che mi ha piacevolmente colpito è stata la presenza delle foglie mangiucchiate dalle lumache, sintomo  che la verdura è davvero Bio e non vengono davvero usati pesticidi chimici!   inoltre  invito TUTTI ad andare a comprare le verdure nei punti vendita a Km 0.. per dare i propri soldi direttamente a chi accudisce con amore e mestiere la verdura che andremo a mangiare.. perchè è biologica davvero e non come quella nelle buste dove bio sono sole tre lettere stampate.. e perchè…cavolo…. il sapore è tutta n’altra cosa.. : P

IMG_0077IMG_0078

questa è una ricetta per “casi disperati”.. cioè quando le idee sono rimaste a dormire ma abbiamo comunque voglia di qualcosa di facile rapido e gustoso!

utensili

  • 1 vaporiera
  • 1 coltello
  • 1 spazzolino per  mondare la verdura
  • tagliere di legno e mezzaluna
  • 4 stuzzicadenti piccoli

ricetta per 2 persone

  • 4 foglie di verza gradi (esterne)
  • 8 foglie di verza più interne
  • 4 cucchiai di pan grattato (frullando il pane che abbiamo in casa di due giorni prima)
  • un cucchiaio di capperi sotto sale
  • Olio EVO qb

come si fa

si mettono i capperi a dissalare in un bicchiere con acqua fredda del rubinetto

si prendono le foglie grandi  della verza e dopo averle lavate aiutandoci con uno spazzolino (e non sprecando troppa acqua!) si pareggia la lo spessore della costola con un coltello  e si mettono nella pentola a far scottare  un paio di minuti.. si tirano su e si fanno freddare.. con queste faremo l’esterno degli involtini…  l’acqua non si butta

IMG_0079

nella stessa acqua si mettono a cuocere le altre foglie per il “macinato” , sempre pareggiando la costola con il coltello, e dopo qualche minuto di scolano bene strizzandole con le mani .. si tiene l’acqua e sopra si mette il cestello della vaporiera

IMG_0080

si aggiungono i capperi dissalati alle foglie e si fa un trito fine con la mezzaluna

si aggiunge il pan grattato e l’olio EVO  fono ad ottenere un composto morbido da sgranelloso…

IMG_0082

si confezionano gli involtini  mettendo il ripieno nelle foglie di verza e si chiude con lo stecchino.. si mette tutto nella vaporiera  a portare tutto alla stessa temperatura!!!  io non ho messo sale perchè non ne uso quasi mai.. al limite metto una goccia di salsa di soia..  e i capperi sono già salati… ma solendo potete condire il ripieno!

IMG_0083

io li ho messi in un piatto con un pò di ripieno croccante freddo!!!

IMG_0087

buon appetito!!!

pensa verde, mangia bio.. e continua a cucinare con Papina!!!  :* smuakkeve!!!!

il mio primo Pan Brioche VEG

Ciao a tutti  e grazie ma veramente di cuore ♡♡♡  e non lo dico così per dire… per tutti i bellissimi commenti che mi state lasciando, per tutte le vostre iscrizioni e anche solo per aver ricambiato la visita aprendo e sbirciando il mio blog dopo esser passata io dal vostro!

oggi vi faccio vedere la mia prima, vera,  ricetta VEG, di ispirazione da un altro libro di Pasquale Boscarello (pasticceria Naturale) .. è un pan brioche.. purtroppo ho messo un lievito di birra in polvere perchè il cubetto lo stava usando mia mamma per la pizza… ma andrebbe messo il cubetto di lievito di birra fresco.. la cosa buona è che mi sono liberata dai lieviti Pane Angeli che avevo in casa.. anche se loro rivendicano la loro vegetalità dei componenti…  😛 adesso che li ho finiti.. proverò altro.. ho già comprato i Colombo Bio.. che sono vegan 😛

ecco il risultato della mia fatica pomeridiana…  poi sotto vi metto  gli ingredienti e il procedimento per come ho fatto!!!

20140122_200054

io ho guarnito tutto con l’uvetta e uno “sciroppo di zucchero integrale di canna”  inventato da me al post del malto di mais.. infatti non avendo a casa il malto.. ed essendo il malto vischioso..e  non volendo assolutamente usare il miele perchè altrimenti non sarebbe stati più veg… magari qualcuno di voi mi dirà che ho fatto una cavolata…ma ecco…

“sciroppo di zucchero integrale di canna” by Papina *

  • 80 gr di zucchero di canna
  • 6 cucchiai di acqua tiepida

mescolare bene fino a formare una pappetta fluida ma comunque densa

INGREDIENTI DEL PAN BRIOSCIATO VEG

  • 320 gr di farina 0
  • 80 gr sciroppo di zucchero integrale di canna by Papina * [vedi sopra] in realtà andrebbe 80 g di malto di mais
  • 70 ml di olio di semi (di mais)
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di cannella
  • mezza buccia di limone grattugiata
  • 1 bustina di lievito di birra secco o mezzo cubetto lievito di birra fresco
  • 150 ml di acqua tiepida

PER GUARNIRE

  • io ho fatto a occhio 4 cucchiai di zucchero di canna e ho aggiunto 2 cucchiai di acqua fredda e l’uvetta non ammollata…

COME SI FA

se si usa il cubetto di lievito di birra fresco..si mette in un boccale con l’acqua tiepida e un cucchiaino dello zucchero pesato, mi spezzetta il lievito con le dita e si mette tutto nbel boccale, si mescola un pò e si attappa  e si lascia riposare 15 minuti fino al formarsi della schiumetta in superficie! poi si aggiunge alla farina setacciata dentro una ciotola e si aggiungono via via tutti gli ingredienti, ultimo il sale.

se si usa il lievito secco si versa il lievito sulla farina setacciata dentro una ciotola e un pò dello zucchero e si aggiunge un pò d’aqua e si inizia a mescolare! aggiungiamo  quindi alla farina e zucchero tutti i liquidi,acqua e olio,  la cannella se abbiamo deciso di metterla, e la scorza di limone grattata…  per ultimo mettiamo il sale in modo che non interferisca con il lievito.

mescoliamo un pò dentro la ciotola e quando abbiamo formato un impasto morbido e liscio, trasferiamo sulla spianatoia e la lavoriamo 5 minuti in modo energico.

rimettiamo la nostra palla dentro alla ciotola e facciamo lievitare lontano da correnti, coprendo con un canavaccio, per 1 ora e mezza.

a questo punto sarò raddoppiato il nostro impasto, senza rovinare le bolle, trasferiamo nella spianatoia rovesciando l’impasto e facendolo in due parti con la spatola. si tira la sfoglia col mattarello e poi si da la forma desiderata. io ho fatto treccine e cornettini mini… purtroppo non avevo modo di far tante foto perchè c’erano i miei intorno…  grrrrrrrr che urto quando ti fissan tutti come avvoltoi 😛

io ho riempito i cornettini con l’uvetta  e lo “sciroppo di zucchero integrale di canna by Papina”..e con lo stesso sciroppo li ho spennellati sopra con un pennello in silicone.. ma si possono guarnire anche con marmellata, datteri, fichi secchi o altro.. io stasera li ho fatti così, semplici.

una volta modellato far riposare ancora coperti per circa 30- 40 minuti e gonfieranno ancora

poi infornare per 18- 20 minuti a 180 °C (occhio che ognuno deve conoscere un pò il proprio forno!)..

buona colazione briosciata a tutti!!!

PS

questo stesso impasto può anche esser fatto come pane in cassetta o come filoncino arrottolato per poi farci le fette biscottate.. insomma.. una volta fatto l’impasto.. cosa ne vorrete fare sta alla vostra fantasia:))))

super smuakkeve :* … la Vostra Papina

di chiacchiere…Vegan e non… e maionese…

Ciao a tutti e buon anno!!!!

pure io mi sono abbuffata di grassi per le feste e pure io  come credo la maggior parte di voi sono stata sballottata qua e la su e giù a mangiare a vedere amici eccetera ed è stato bellissimo.. solo che io sto quasi sempre a casa e alla fine ero stanchissima e ovviamente come tutte le volte la stanchezza ha fatto si che mi ammalassi e beccassi uno di quei raffreddori madornali… e quindi è un pezzo che non mi cimento in piatti  nuovi da sperimentare…

ho provato però la MAIONESE VEG da questo stupendo post della RAVANELLA  ed è venuta spaziale!!! 😛

mayo veg

che  come vedete abbiamo spazzolato in 25 nanosecondi..  a Mirco è’ piaciuta da morire a abbiamo fatto già 2 volte (avevamo dei sofficini nel congelatore e credo che adesso che li abbiamo finiti non li ricomprerò più di questi già pronti!!)

  • 50 ml di latte (io avevo quello normale intero ma per farla veg ci andrebbe messo di soya al naturale)
  • 210 ml di olio si semi di girasole (io ho messo quello per friggere!)
  • un pizzico di sale
  • una puntina di curcuma (per farla venire giallina)
  • 3 gocce di limone

si mette nel Baker  o becker o come diavolo si  chiama il bicchierone alto del frullatore ad immersione… il latte.. e si inizia a frullare.. si cola a filo con l’altra mano  l’olio di semi ( i sono riuscita io che sono fortemente disprassica quindi è fattibile a tutti!).. rimane tutto molliccio per un pò.. finche tòh.. ad un certo punto il tutto si solidifica e avrete la maionese, semplicemente perfetta!

a sto punto unite il sale, perchè non sa di nulla… mettete le gocce di limone e  la curcuma, o il curry o quel che volete per dargli un  colore e un minimo di gusto 😛 e buon appetito!!!!

parto da una ricetta, una salsa che amo  e che mi piace mangiare con il fritto,  per  tutto un mio “pippone mentale” sulle UOVA.. che io uso biologiche, fatte dalle galline del mio pollaio.. ma che altrimenti non mangerei se le dovessi comprare al super.. ed è questo che mi ha portato ad avvicinarmi a tutti i blog vegani che attualmente seguo e che mi stanno dando spunti incredibili di cose mai provate…

ho tanta curiosità rispetto ad una cosa e io confido nella pazienza vostra, se avrete voglia di leggermi e di rispondermi!!!

la cosa che non proprio non capisco di chi decide per la svolta vegan o anche “solo” vegetariana.. è questa continua ricerca di SIMILI… di “dupe” mi viene da dire.. di alimenti che si è scelto (perchè qui mi par di capire che di scelta si tratta!) di non mangiare più…  e non lo dico con fare aggressivo credetemi…. ma per una sincera curiosità…

cioè decidi di diventare vegana.. è ovvio che il parmigiano ti diventa un alimento da escludere dalla dieta che ti sei autoscelta o autoimposta di seguire.. quindi hai tempo a frullare mandorle.. si, colorano di bianco… ma non prendiamoci in giro.. è un illusione ottica… e solo quella… perchè il gusto in bocca e la consistenza stessa è un altra cosa…

quello che non capisco veramente è questa ricerca di cose che assomiglino quanto più alla carne,  come i burgher di soia…  quando si è scelto di non mangiarne più…   ( bistecchine di soia in foto)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

fondamentalmente io mangio carne (poca e solo determinate cose) per non gravare nei miei che se cambiassi alimentazione dovrebbero spendere altri soldi in più e cucinare altre pietanze, quindi altra pentola, ecc e quindi per non aumentare i consumi… la carne si mangia tutti… si cucina una cosa sola e via…  ma a me la carne non piace… è questo il punto fondamentale.. tra una bistecca e un tortino di verdure, qualunque verdura… io sceglierei il tortino…

per non parlare del ragù… mi viene da rimettere anche a vederlo nei  vasetti…  quando i miei lo mangiano… io cerco sempre di guadare altrove..  quindi  non mi sognerei mai di mangiare una pasta con ragù di seitan per capirci 😛 perchè mi ricorderebbe troppo quello che proprio non tollero manco di guardarlo…  😦

ecco….ho bisogno di capire il perchè, se uno sceglie di non mangiare una certa cosa, ha bisogno di trovarne il sostituto vegetale.. quanto più simile possibile 🙂

se io diventassi vegetariana.. al di la del proprio credere etico e morale.. con cosa potrei sostituire le mie amate vongole, come sapore e  come gusto in bocca?!?!? come versatilità?!?!?!?!

da onnivora secondo me la cosa “meno credibile” è questa continua ricerca di surrogati simili e la mancanza forse di una vera e forte identità culinaria del vegetarianismo…

ma…voglio dire.. parlo con il cuore in mano e non con astio…  la mia vuol essere una critica costruttiva…

tra l’altro sta cosa l’ha ammessa anche il mio idolo del momento in cucina… che è Simone Salvini…  ❤

da IBS mi sono ordinata due libri di cucina:

copertina2  piccola-pasticceria-naturale-oltre-90-ricette-per-preparare-pasticcini-golosissimi-sostituendo-lo-z_37992  foto dal web

e altri 2 libri di narrativa e adesso non vedo l’ora che arrivino!!!!!

ho voglia di cose nuove, sapori nuovi, abbinamenti inediti e mai provati.. dopo 30 a mangiare le stesse 3 cosine in croce.,.. basta 😛

un bacione e confido nei vostri commenti!!!! :* smuakkeve…  Papina

BISCOTTANDO ALL’ANICE _fotoricetta vegan

questa è una mia ricetta a cui sono molto affezionata… guardate solo quanto sono belli ❤  *piovono cuori*

IMG_0615

potete vedere il primo post in cui ne parlai QUI nell’altro mio blog..

è una ricetta assolutamente VEGANA in quanto non ci sono latte uova o altri ingredienti di origine animale..

e gli ingredienti in se sono molto semplici, quasi poveri, e io sono affezionatissima a questa preparazione…

C’è infatti tutta una storiona lunghissima dietro alla ricetta stessa per la preparazione di queste delizie, perchè li faceva mia nonna quando ero piccola, ma poi quando sono andata a cercare la ricetta in internet venivano sono ricette zuccherate!!!!
se vi volete documentare sulla storia che questi biscotti hanno alle spalle, dato che sono stati nominati anche I.G.P. cercate su google “biscotto di Roccalbegna”. Io come sapete non sto a Grosseto, anzi sto al Lago Trasimeno, però nei forni della mia zona questo biscotto va parecchio!!!   e costa uno sproposito.. 2 biscottoni vanno circa 2,80€..  mmm
NON VI DARò UNA RICETTA PRECISA, SEMPLICEMENTE PERCHè NON C’è!

ma vi do una lista di ingredienti semplici per farla!

  • farina (come ce l’avete!) io avevo la 0 quando li feci altrimenti avrei usato la 00
  • Olio extravergine d’Oliva Bio
  • semi Anice possibilmente bio.. ma ci si accontenta!
  • un panetto di lievito di birra.. ma se avete il lievito madre manco ve lo dico.. beati voi 🙂 !
  • un pizzico di sale fino (meglio se integrale)
  • un pizzico di zucchero (meglio se grezzo di canna)

l’impasto è simile alla pizza e tutti sono in grado di farlo!!! BUONA CUCINA!!!
vai con la preparazione!!!
si ammollano i semi dell’Anice con acqua calda e  vino bianco (potete mettere anche sono il vino.. o solo l’acqua a piacere)
IMG_0596
si prende la farina, e si fa una bella fontana con buco al centro, in una spianatoia di legno
IMG_0592

si fa sciolgliere un cubetto di lievito di birra in acqua tiepida e si impasta la farina, UN PIZZICO DI SALE, UN PIZZICO DI ZUCCHERO e i semi dell’anice scolati dal liquido di ammollo…

IMG_0593
si mette un bel pò di OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA, possibilmente bio!
IMG_0594

e si continua a lavorare l’impasto molto bene dandoci dentro come si farebbe per la pizza!
si mette a bollire una bella pentola capiente CON ACQUA SALATA (poco sale che fa male!!!)  e si predispone un canovaccio per asciugare i biscotti una volta bolliti!
IMG_0603

SI SI VANNO PROPRIO BOLLITI, UNO AD UNO!!! predisponete anche due schiumarole per riprenderli da dentro l’acqua!
si  finisce di lavorare bene la pasta fino ad ottenere un composto morbido ed elastico e soprattutto fino a quando “gli anici schizzano fuori!
di fanno dei pezzetti e si lavorano con entrambe le mani fino ad ottenere un “bico” lungo e  si dispone nella tipica forma a FIOCCO!
IMG_0598

formiamo i fiocchi

IMG_0599
NON FATE ASSOLUTAMENTE RIPOSARE E LIEVITARE I BISCOTTI..

è importantissimo altrimenti vi si romperanno tutti!! fidatevi!!!
IMG_0600
SI PRENDONO  uno per uno e bollirli fino a quando non si vedono delle belle crepe!!!

IMG_0607IMG_0611

quando li togliete li scolate bene e poi li disponete su una teglia  con carta da forno!!!

IMG_0612
cuocere per una mezz’oretta a 180 °C .. io ho il forno ventilato!!!

IMG_0605

dopo cotti ho spento il forno e li ho rimessi dentro per “BISCOTTARLi” meglio!! ecco il risultato!!!

IMG_0608 IMG_0609

come vi sembrano??

IMG_0613 - Copia (2)

li avete mai mangiati???
:* smuakkeve!!!  dalla vostra Papina!!

PS con questa ricetta  ho deciso di parteciare  al 1° CONTEST  CUCINA VEGANA ideato da JESSICA..

contest vegan

per votarmi dovrete andare alla foto su FB della mia ricetta QUI